Engim Piemonte
2Ott/17Off

Nome in codice: Caesar – Detenuti siriani vittime di tortura, dal 5 ottobre la mostra fotografica al Polo del ‘900 a Torino

ENGIM Internazionale:

Da giovedì 5 ottobre fino al 17 ottobre, per la prima volta a Torino presso il Polo del ‘900, saranno esposte le immagini fotografiche di Nome in codice: Caesar. Detenuti siriani vittime di tortura una mostra internazionale voluta e promossa in Italia da FNSI - Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Amnesty International Italia, FOCSIV - Volontari nel Mondo, Un Ponte Per, Unimed - Unione delle Università del Mediterraneo ed Articolo21.

Ingresso gratuito - Orari di apertura: lunedì-domenica h.10-20

 

L’iniziativa è un’occasione anche per promuovere la campagna Humanity - Esseri umani con gli esseri umani di FOCSIV – Volontari nel mondo e di sette ONG Socie della Federazione presenti da anni in Medio Oriente, volta a promuovere attivamente la risoluzione del conflitto armato, a perseguire l'instaurazione del dialogo inclusivo e basato sul rispetto della dignità umana ed a  sostenere i paesi e le persone colpite dal dramma della guerra, con particolare attenzione agli sfollati, i rifugiati, le minoranze e le comunità ospitanti nei paesi limitrofi.

Info: fondazionenocentini@gmail.com - Il programma delle iniziative collaterali è consultabile sul sito fondazioneveranocentini.it 

Scarica:

Card del Programma - Volantino - Comunicato Stampa - Workshop con Shady Hamadi

3Mag/17Off

Vacancy Guinea Bissau

ENGIM Internazionale:

E' aperta in Guinea Bissau una posizione per Responsabile amministrativo. L'incarico è di 10 mesi e la partenza è prevista per il mese di giugno 2017.

Ecco il testo completo della vacancy.

Per candidarsi, bisogna inviare CV e lettera di motivazione in italiano all'indirizzo selezioni.internazionale@engim.it entro il 10/05/2017.

26Apr/17Off

Allevamento ittico in Senegal: al via le attività

ENGIM Internazionale:

Si è svolto lunedì 24 aprile l'incontro tra il Sindaco di Carmagnola, Ivana Gaveglio, e il Sindaco di Ronkh in Senegal, Amadou T. Ndyaie, per la firma della Convenzione di cooperazione decentrata per il progetto "GEN: avvio di un allevamento ittico per lo sviluppo locale del Comune di Ronkh", cofinanziato dalla Regione Piemonte.

ENGIM Piemonte e Rainbow for Africa, partner esecutivi dell'iniziativa, accompagnano la delegazione composta dall'esperto ittico Paolo Lo Conte, dal Consigliere Comunale Filiberto Alberto, dalla Guardia Ittica Volontaria Ezio Giovenino.

Il progetto intende avviare un allevamento di tilapia, pesce diffuso nelle aree tropicali, nel villaggio senegalese di Kassack Nord e di porre le basi per un futuro di collaborazione e cooperazione anche a livello istituzionale.

16Mar/17Off

Migrazioni e Educazione Globale: al via un corso per docenti

ENGIM Internazionale:

Engim Internazionale è lieto di invitarvi al corso di formazione:

“L’educazione alla cittadinanza mondiale: metodologie, strumenti e buone pratiche per il superamento di pregiudizi e discriminazioni”,  realizzato nell’ambito del progetto MEGA - migrazioni, educazione globale e attivismo, con il contributo della Regione Piemonte.

Il corso è riconosciuto dal MIUR*, gratuito e aperto a tutti: insegnanti, educatori, operatori di ong, ma i posti sono limitati!

Info e iscrizioni entro il 23 marzo 2017: mariangela.ciriello@engim.it - Tel. 011 2304318  www.megamigraction.wordpress.com - Facebook: Engim Internazionale Piemonte

DATE E ORARI -- presso Engim Artigianelli, c.so Palestro 14 - Torino
28 marzo 2017 Orario: 9.00 -13.00 / 14.00 – 18.00
7 aprile 2017     Orario: 9.00 -13.00
27 aprile 2017  Orario: 9.00 -13.00 / 14.00 – 18.00

Come sottolineato dall’Unesco nel documento “Global Citizenship Education. Topics and Learning Objectives”, l’educazione alla cittadinanza mondiale esige educatori competenti che abbiano un’ottima capacità nell’insegnamento e nell’apprendimento attivo e partecipativo.
Il corso intende approfondire metodologie e strumenti utili all’insegnante/educatore, nel suo ruolo di guida e facilitatore, incoraggiando gli allievi a praticare lo spirito critico, sostenendo lo sviluppo delle conoscenze, delle competenze, dei valori e dei comportamenti che incoraggiano cambiamenti personali e sociali positivi.
Il corso, inoltre, propone un approfondimento sul tema delle migrazioni, offrendo strumenti pratici per l’elaborazione di percorsi educativi finalizzati all’eliminazione di pregiudizi e discriminazioni.

PROGRAMMA

  • Fondamenti pedagogici, metodologie dell'Educazione alla Cittadinanza Mondiale.
  • Strumenti e ambienti di apprendimento dell'Educazione alla Cittadinanza Mondiale.
  • Esperienze e buone pratiche educative. Focus group: L’educazione alla cittadinanza mondiale nella scuola dell’obbligo.
  • I temi dell’educazione alla cittadinanza mondiale: focus su migrazioni, accoglienza, stereotipi, pregiudizi e strumenti per una corretta informazione.
  • Progettare un'unità didattica di educazione alla cittadinanza mondiale. Teoria e laboratorio pratico.
  • La valutazione di un percorso di educazione alla cittadinanza mondiale.
  • Il corso prevede la realizzazione di focus group e attività pratiche di progettazione, con l’obiettivo di facilitare gli insegnanti nella progettazione di attività didattiche in continuità con il progetto MEGA.

*Engim è un ente riconosciuto dal MIUR per la formazione agli insegnanti (decreto prot. AOODPIT.852, secondo la Direttiva Ministeriale 90/2003).

Il progetto MEGA – Migrazioni, Educazione Globale e Attivismo è un progetto promosso da Engim Internazionale, in collaborazione con Re.Te ong, Comitato Collaborazione Medica, A Proposito di Altri Mondi, con l’obiettivo di conoscere e approfondire il fenomeno delle migrazioni, favorendo il dialogo interculturale e la convivenza solidale tra cittadini del mondo.

Scopri le attività del progetto:

  • I laboratori nelle scuole
  • La campagna MigrAction: la parola agli studenti!
  • Il corso di formazione “L’educazione alla cittadinanza mondiale: metodologie, strumenti e buone pratiche per il superamento di pregiudizi e discriminazioni”

www.megamigraction.wordpress.com
Facebook: Engim Internazionale Piemonte

loghi mega

7Feb/17Off

Impresa e informazione: partite le attività in Mali e Guinea Bissau

ENGIM Internazionale:

Si sono chiusi i tre bandi rivolti alle aziende in Mali e Guinea Bissau: tantissime le candidature ricevute, ora al vaglio delle commissioni nei due Paesi per selezionare un primo gruppo di imprenditori che potranno beneficiare della formazione e, dopo una seconda selezione, del finanziamento.

Anche la formazione, coordinata dal giornalista italiano Andrea De Georgio e rivolta agli otto giornalisti che lavoreranno ai reportage sulla migrazione in Mali, è terminata la settimana scorsa. 

Sono dunque in corso le attività del progetto PROTEJA - Projet pour le travail et l'emploi des Jeunes Africains - REG/ENGIM/10733/7, finanziato dall'Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo di Dakar: un progetto di nove mesi che ha l'obiettivo di contribuire alla riduzione dell’esclusione sociale ed economica di giovani donne e uomini potenziali migranti in Mali e Guinea Bissau, attraverso la promozione dell'occupazione e dell'imprenditorialità e di una corretta informazione.

Tutti gli aggiornamenti sono disponibili sulle pagine Facebok ENGIM Internazionale Piemonte e ENGIM Mali.

La galleria fotografica è su Flickr!

7Feb/17Off

Impresa e informazione: partite le attività in Mali e Guinea Bissau

ENGIM Internazionale:

Si sono chiusi i tre bandi rivolti alle aziende in Mali e Guinea Bissau: tantissime le candidature ricevute, ora al vaglio delle commissioni nei due Paesi per selezionare un primo gruppo di imprenditori che potranno beneficiare della formazione e, dopo una seconda selezione, del finanziamento.

Anche la formazione, coordinata dal giornalista italiano Andrea De Georgio e rivolta agli otto giornalisti che lavoreranno ai reportage sulla migrazione in Mali, è terminata la settimana scorsa. 

Sono dunque in corso le attività del progetto PROTEJA - Projet pour le travail et l'emploi des Jeunes Africains - REG/ENGIM/10733/7, finanziato dall'Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo di Dakar: un progetto di nove mesi che ha l'obiettivo di contribuire alla riduzione dell’esclusione sociale ed economica di giovani donne e uomini potenziali migranti in Mali e Guinea Bissau, attraverso la promozione dell'occupazione e dell'imprenditorialità e di una corretta informazione.

Tutti gli aggiornamenti sono disponibili sulle pagine Facebok ENGIM Internazionale Piemonte e ENGIM Mali.

La galleria fotografica è su Flickr!

16Gen/17Off

ECCO IL BANDO PER I CORPI CIVILI DI PACE 2017

ENGIM Internazionale:

Il 10 febbraio 2017 scade il termine per la presentazione delle domande per il Bando per i Corpi Civili di Pace (CCP), la sperimentazione che coinvolgerà 106 giovani nella costruzione della pace attraverso metodi non violenti.

I progetti ENGIM, in Ecuador e Guinea Bissau, fanno parte delle 5 proposte presentate e approvate alla FOCSIV e sono:

ECUADOR - TENA, settore di intervento EMERGENZA AMBIENTALE, n. di volontari 4 - Per info serviziocivile@engiminternazionale.org

GUINEA BISSAU - BISSAU, settore di intervento AREA A RISCHIO DI CONFLITTO, n. di volontari 4 - Per info selezioni.internazionale@engim.it

I requisiti per candidarsi sono la cittadinanza italiana, la non appartenenza a corpi militari o forze di polizia, il possesso di un titolo di studio di scuola secondaria di secondo grado, non avere riportato condanne, e, informazione molto attesa, possono candidarsi anche coloro che hanno già svolto Servizio Civile Nazionale.

Cosa sono i Corpi Civili di Pace

Come candidarsi

Leggi il bando

Domanda di Partecipazione (All. 2)

Dichiarazione dei titoli (All. 3)

Modulo Privacy FOCSIV

16Gen/17Off

ECCO IL BANDO PER I CORPI CIVILI DI PACE 2017

ENGIM Internazionale:

Il 10 febbraio 2017 scade il termine per la presentazione delle domande per il Bando per i Corpi Civili di Pace (CCP), la sperimentazione che coinvolgerà 106 giovani nella costruzione della pace attraverso metodi non violenti.

I progetti ENGIM, in Ecuador e Guinea Bissau, fanno parte delle 5 proposte presentate e approvate alla FOCSIV e sono:

ECUADOR - TENA, settore di intervento EMERGENZA AMBIENTALE, n. di volontari 4 - Per info serviziocivile@engiminternazionale.org

GUINEA BISSAU - BISSAU, settore di intervento AREA A RISCHIO DI CONFLITTO, n. di volontari 4 - Per info selezioni.internazionale@engim.it

I requisiti per candidarsi sono la cittadinanza italiana, la non appartenenza a corpi militari o forze di polizia, il possesso di un titolo di studio di scuola secondaria di secondo grado, non avere riportato condanne, e, informazione molto attesa, possono candidarsi anche coloro che hanno già svolto Servizio Civile Nazionale.

Cosa sono i Corpi Civili di Pace

Come candidarsi

Leggi il bando

Domanda di Partecipazione (All. 2)

Dichiarazione dei titoli (All. 3)

Modulo Privacy FOCSIV

6Gen/17Off

Apprendere con LEGO® MINDSTORM®

ENGIM Internazionale:

ENGIM Piemonte-Chieri:

ENGIM Piemonte-Val Chisone Villar Perosa:

ENGIM Piemonte-Artigianelli Torino:

All’ENGIM Artigianelli abbiamo iniziato negli scorsi mesi un percorso di formazione ed approfondimento della robotica all’interno della nostra qualifica di OPERATORE ELETTRONICO. LEGO® MINDSTORMS® EV3 è una piattaforma per la robotica “domestica” progettata per introdurre le nuove generazioni all’eccitante mondo della costruzione e programmazione di robot, aggiungendo al tempo stesso flessibilità per i veterani della robotica. Tecnologie potenziate e integrazione con dispositivi mobili forniscono opportunità illimitate per i costruttori che vogliono creare e comandare i propri robot. Grazie alla progettazione modulare è facile creare e programmare un robot in 20 minuti. Il progetto Mindstorm della LEGO nasce su un modello diffuso e condiviso che ha visto la partecipazione di un team internazionale di progettisti, tecnici ed appassionati per evolvere la piattaforma MINDSTORMS. Durante tre anni l’hardware ed il software sono stati reinventati mentre un team di 12 appassionati testava i limiti della piattaforma e contribuiva a sviluppare modelli, applicazioni ed ambiente di programmazione.
Come funziona? Intorno al mattoncino programmabile EV3 viene costruito il robot utilizzando il Lego (in particolare si usano componenti Lego Technic); il “mattoncino” programmabile è il “cervello” del robot, ad esso vengono collegati sensori di vario tipo (ad ultrasuoni, di luce, di temperatura, di contatto, ecc…), in modo tale da consentire al robot di percepire l’ambiente circostante ed adottare dei comportamenti conseguenti; i comportamenti sono definiti da programmi realizzati su PC e tablet con un software di programmazione ad oggetti.
Perchè utilizzare LEGO per la formazione dei nostri giovani? La Robotica, ma soprattutto la costruzione di oggetti robotici è una azione “creativa”; il minimo comune denominatore di ogni artefatto tecnologico è l’ ”atto creativo”, che origina oggetti “di cui si può andare orgogliosi”. L’immaginazione parte da una “sfida” reale, ne ricombina gli elementi provenienti dall’esperienza e li fa nuovamente diventare degli oggetti reali, frutto di ricombinazioni mentali, che divengono strumenti tecnici, macchine utensili, ecc., utili all’uomo per trasformare la realtà esterna. Gli oggetti costruiti con il LEGO MINDSTORM vengono “Formati dall’immaginazione creatrice dell’uomo, essi non corrispondono ad alcun modello esistente in natura, ma una volta che hanno preso corpo, sono divenuti altrettanto reali quanto tutti gli altri oggetti, e dimostrano la loro capacità di agire sul mondo e sulla realtà che li circonda.”
La scelta di utilizzo del LEGO è legata al fatto che in questo momento non esistono altri sistemi in grado di eguagliare la versatilità, la rapidità, la reversibilità e la facilità d’uso di questi mattoncini. Costruire robot in modo semplice permette ai nostri giovani di misurarsi rapidamente con l’opera delle loro stesse mani mettendo alla prova la oro immaginazione e creando oggetti complessi che agiscono in modo reale nell’ambiente. La costruzione non avviene mai in modo autonomo, per raggiungere l’obiettivo è necessario collaborare e cooperare con gli altri elementi del gruppo, non si può risolvere un problema complesso da soli farlo con gli altri è possibile. Vedere all’opera i nostri giovani nella costruzione dà rapidamente una idea delle potenzialità di questo metodo: l’attenzione, l’interazione e la rapidità di svolgimento delle prove sono estremamente superiori a quelle ottenibili in una aula con “banchi, lavagna e gesso” e intanto si discute di numero di rotazioni in gradi o radianti, di accelerazione di sensori e segnali elettrici cercando di capire il comportamento dei nuovi oggetti creati. Un vero e proprio “apprendere con le proprie mani” tipico del lavoro artigiano.
Inutile dire che un tale tipo di apprendimento non favorisce soltanto lo sviluppo di competenze tecniche, ma anche una serie di competenze trasversali e di aspetti educativi si pensi ad esempio allo sviluppo del pensiero critico, alla capacità di “problem finding”, “posing”, “solving”, all’autoapprendimento (presupposto per il “lifelong learning”), per arrivare fino alla capacità di lavorare in gruppo, alla flessibilità di pensiero ed alle strategie di adattamento per fronteggiare situazioni potenzialmente stressanti.
20Dic/16Off

Tanti auguri a tutti!

ENGIM Internazionale:

"Gëzuar Krishtlindjet dhe Vitin e Ri" - "Bom Natal" -

"Merry Christmas... Happy New Year" - "Feliz Navidad" - "Kapak Raymi"

Insomma...

TANTI AUGURI DA ENGIM INTERNAZIONALE!